venerdì 9 dicembre 2016

Alessandro Robecchi risponde a Michele Serra sul pippone della sinistra

Segnaliamo questa bella risposta di Alessandro Robecchi (sul suo sito) a Michele Serra. 
Hanno tutti e due ragione.

Caro Michele,
ho letto con attenzione il tuo aperto – direi conquistato, posso? – sostegno alla “proposta Pisapia” (oggi su Repubblica, lo trovate qui) con conseguente pippone (mi consenta) sulla sinistra che dice sempre no, no, no. Non un argomento nuovo, diciamo, visto che ci viene ripetuto da tre anni almeno: vuoi mangiare la merda? No. Uff, dici sempre no.
Ma prima due premesse. Giuliano Pisapia è stato il mio sindaco, uno dei migliori degli ultimi decenni (oddio, dopo Albertini e Moratti…), credo anche di essere stato tra i primi a firmare un appello per la sua candidatura a sindaco di Milano, altri tempi. Ricordo che il giorno del ballottaggio (suo contro la mamma di Batman) avevo una prima a teatro, e sarà stato il clima in città, la tensione della prima, l’aria di attesa di un’elezione che squillava come un 25 aprile, ma ricordo quei giorni come giorni di grande gioia. Di come poi quell’entusiasmo si sia un po’ smorzato nella pratica quotidiana e nella maldestra uscita di scena di Pisapia non è qui il caso di dire.

Continua a leggere su www.alessandrorobecchi.it

Sul Venerdì sparisce la rubrica di Ceccarelli

Oggi nel sommario del Venerdì non c'è più la nota sulla sospensione della rubrica di Filippo Ceccarelli. Significa che è definitivamente sparita?

Aiuto.

Sotto i sommarietti dell'ultimo e penultimo Venerdì.



La sera andavamo a Piazza Indipendenza: la recensione del Corriere

Le figurine di PPR: il vicediretùr Gianluca Di Feo

Botta e risposta tra l'avvocato Giorgio Ferrari e il republicone Franco Vanni

L'Amaca di oggi: l'ennesima bacchettata di Serra a Grillo e ai suoi seguaci

La vignetta di Bucchi. ellekappa, invece, è in vacanza

Domenica arriva il terzo numero di Robinson.
Prenotatelo in edicola.

Il raccontone sulla rivoluzione di Ezio Mauro.
Da oggi su Repubblica



La prima di oggi (il setaccio è in vacanza)