mercoledì 29 agosto 2012

Nuova apparizione di PPR su Il Fatto. Travaglio e soci ci leggono, eccome se ci leggono.

Dopo l'apparizione su Il Fatto Quotidiano di qualche giorno fa, siamo orgogliosi di segnalarne un'altra (precedente) che ci era sfuggita ma che è finita tra le grinfie della nostra Ilaria (tirata anch'essa in ballo dal Fatto) che ce la racconta cosí:
Ciao Pazzo,
eccoti quanto promesso.
Certo alla redazione del Fatto non è parso vero di leggere delle parole così dure in un blog di feticisti di Repubblica, staranno ancora gongolando. Però ricordiamoci che Scalfari li aveva appena accusati (senza mai citarli ovvio) di essere i responsabili morali della morte di D’Ambrosio e aveva appena iniziato la sua campagna di discredito nei confronti della procura di Palermo. Riscriverei parola per parola.
Ciao Ilaria.
Update: tra i commenti a questo post c'è quello di ilcarogna che ha notato il maledetto refuso del Fatto che scrive Pazzo per LA Repubblica con il tanto odiato articolo. L'avranno fatto apposta?

10 commenti:

Anonimo ha detto...

C'è bisogno di dirlo? ilaria te lo merito (e ovviamente non suo sono parente, visto che la vorrei sposare!)

Michele ha detto...

Potrebbe mai il fatto quotidiano non pubblicare ulcuni commenti che dissentono dal pensiero di Scalfari? Un commento anti-Repubblica lì non si nega a nessuno.

Barbapapà ha detto...

Noto che insisti pervicacemente con lo stile travagliesco, Ilaria.

Scalfari non ha accusato nessuno della morte di D'Ambrosio, ha solo descritto il contesto in cui è morto il consigliere giuridico di Napolitano e riportato, senza timori o ipocrisie, l'ipotesi che la morte fosse collegata alla "campagna di insinuazioni per le sue telefonate con Nicola Mancino".
Riguardo alla scalfariana campagna di discredito contro la procura di Palermo sei anche qui fuori strada o, meglio, sei in linea con il pensiero del FQ.

ilcarogna ha detto...

Sicuri non citasse qualche altro blog? "Pazzo per LA Repubblica"... ;-)

Enrico Maria Porro ha detto...

@ilcarogna, è vero hanno commesso un clamoroso errore...

Anonimo ha detto...

Sarebbe molto divertente controllare se questa "ILARIA", caro Feticista Supremo, posta da un IP riconducibile al Fatto Quotidiano: perché in questo caso si tratterebbe di "notizia autoprodotta": ossia di personcina del "Fatto" che viene qui a scrivere apposta contro Scalfari per poi farci su un bell'articoletto che mostrerebbe un fantomatico "dissenso col Fundador" tra i lettori di Repubblica... Guido_MI

Barbapapà ha detto...

Non esageriamo, adesso.
Ilaria scrive su questo blog da diverso tempo, come il Feticista Supremo può facilmente confermare.
E' una feticista doc che, in tempi recenti, si è distinta per un approccio molto critico, se non contestatore, della linea del giornale sulle note vicende. Io sono in disaccordo totale con lei, ma di certo non la ritengo una agente provocatrice.

Sicuramente, nei giorni più infuocati della polemica qualche lettore del FQ ha fatto capolino nei commenti di questo blog regalandoci pregnanti contributi.

Anonimo ha detto...

Giù le mani di ilaria! sospetti vergognosi!

ilaria ha detto...

Caro Guido in fondo ti capisco sarebbe tutto molto più semplice se io fossi "un'infiltrata" e invece, purtroppo per te, non lo sono.
Io leggo questo giornale da quando avevo 15 anni e ne ho 42, fai tu i conti. Ho seguito e mi sono appassionata a molte delle sue battaglie, ma questa no, mi spiace, non la capisco né la condivido.
Apprezzo però moltissimo il fatto che dia spazio e voce a chi non è schierato con questa nuova linea. Il dibattito è ancora apertissimo (leggi oggi la Spinelli) e ben lontano dalla fine. Non vedo perché, fatte le debite proporzioni, non si possa discutere apertamente anche tra noi lettori.
Ringrazio infatti Barbapapà per l'interessante scambio di opinioni, non mi risulta invece ancora pervenuta la tua di opinione.
saluti

Enrico Maria Porro ha detto...

Caro Guido, conosco Ilaria meglio di quanto pensi. Abbiamo un frequente scambio di mail ed escludo su tutta la linea la validità della tua tesi.